Rai 2

Fact Checking – I vaccini e l’autismo

Negli ultimi anni si è diffuso molto un luogo comune secondo cui i vaccini possono causare, nei bambini, malattie molto gravi come l’autismo. Provando ad effettuare una ricerca con le parole chiave “vaccini e autismo” su Google, nella prima pagina si trovano diversi siti che parlano di questo collegamento.

Immagine

 

È un luogo comune che ha influenzato seriamente le abitudini degli italiani. Guardiamo come sono andate le vaccinazioni negli ultimi anni.

 

Vaccinazioni in Italia

Morbillo: percentuale di bambini vaccinati

 

2010 90,6%

2014 86,7%

 

Poliomielite: percentuale di bambini vaccinati

2010 96,3%

2014 94,7%

 

Fonte: Istituto Superiore di Sanità

 

Ma da dove proviene questa idea? L’associazione tra vaccini e autismo è relativamente recente: risale al 1998, quando la prestigiosa rivista medica The Lancet pubblicò uno studio in cui il medico Andrew Wakefield sosteneva di essere riuscito a dimostrare un collegamento. Oggi, sul sito di The Lancet lo studio di Wakefield appare così.

 Immagine

 

“Ritrattato”! Si scoprì infatti che Wakefield era un truffatore e si era messo in combutta con un avvocato specializzato in cause di risarcimento contro le case farmaceutiche. Wakefield ricevette dei soldi per falsificare il suo studio e fornire al suo amico delle finte prove scientifiche per sostenere le richieste di danni.

Tutti gli studi successivi hanno dimostrato che tra vaccini e autismo non esiste alcun genere di correlazione. I vaccini sono uno strumento medico-scientifico fondamentale e il fatto che vengano utilizzati dal maggior numero di persone possibile è importantissimo per garantire la protezione di ognuno di noi. Il luogo comune, quindi, è falso, anche se purtroppo ancora molto diffuso!

Commenti

Comments

Powered by Facebook Comments